HomeChi siamoDove siamoPrendere Appuntamento
Aree Tematiche
FAQ - Domande e Risposte
Cosa facciamo / Formazione

Educazione sessuale per alunni della scuola elementare e media

Corso di educazione alla sessualità e all'affettività per alunni della scuola elementare e media

L'intervento ha l'obiettivo di aprire un confronto,  e di garantire una riflessione sulla affettività e sulla sessualità, aspetti basilari della costruzione dell'identità personale del bambino e del ragazzo.
Spesso è difficile per l'adulto rapportarsi con serenità alla sessualità dei minori, interpretare i segnali delle loro curiosità sessuali, dare le risposte giuste alle domande che vengono poste.
L'obiettivo non è quello di offrire una semplice informazione di tipo culturale e intellettualistico, ma quella di sollecitare una maggiore capacità di ascolto e di comunicazione in materia di sessualità, nei confronti dei bambini.

Il progetto è strutturato nel seguente modo: 

un incontro iniziale di programmazione dell'attività  con tutti  gli insegnanti che aderiscono all'iniziativa, tre incontri in  classe con i bambini  e un eventuale  incontro conclusivo  con i genitori dei bambini.: ogni incontro ha la durata di 2 ore.

L'incontro con gli insegnanti è  rivolto a rilevare le esigenze e le problematiche delle classi e  a illustrare la metodologia con la quale si muove lo psicologo.

L'educazione sessuale e affettiva è da intendersi non soltanto sul piano del passaggio di informazioni ma soprattutto sullo strutturare uno spazio di ascolto delle domande, delle curiosità, delle  paure dei minori relative a questi temi.

Questo intervento ha anche lo scopo di permettere ai docenti di interrogarsi sulle capacità  dei bambini di rapportarsi con gli altri, sul loro sviluppo psicoaffettivo.


Gli incontri con il gruppo-classe tendono a favorire al suo interno l'interazione. Il gruppo si dispone con le sedie in cerchio, per poter garantire a tutti di confrontarsi e di osservare gli altri, attendendo il proprio turno per intervenire. Spieghiamo inoltre agli alunni che la nostra non sarà una lezione teorica, ma un momento in cui tutti insieme, ciascuno portando il proprio contributo e il suo pensiero, cercheremo di  affrontare le tematiche dell'affettività e della sessualità. Il conduttore propone una serie di giochi psicologici (di presentazione e di riscaldamento) che mirano a costruire un clima di condivisione e di non giudizio, ed a facilitare l'emergere di domande spontanee da parte dei bambini o dei ragazzi, domande alle quale lo psicologo darà risposta esauriente.

Vengono trattati  tutti gli argomenti che emergono dalla classe.

L'esperienza proposta consente di migliorare la capacità di autopercezione e di contatto  con le sensazioni e con i bisogni appartenenti al Sé degli allievi e quindi può facilitare la loro capacità di verbalizzare situazioni di acuto disagio o di abuso, che sono in atto o che potrebbero in futuro manifestarsi. E' risaputo come il mantenimento del silenzio e della sottomissione alla violenza e all'abuso sessuale danneggi gravemente il minore, minando la sua autostima, interferendo nei processi di apprendimento, producendo reazioni depressive od impulsive che possono manifestarsi nello stesso contesto scolastico.

Questi incontri sono anche l'occasione per iniziare un discorso di prevenzione dell'abuso sessuale in danno dei minori, per poter fornire ai minori gli strumenti linguistici ed emotivi per poter riconoscere e mettere in parola eventuali abusi.

Potrebbero anche interessarti questi articoli...
educazione sessuale, educazione alla sessualità, corso educazione sessuale